Voglia di libertà? Alla terza evasione dai domiciliari si aprono le porte della Casa Circondariale di Varese

VARESE – L’intensificazione dei controlli da parte delle forze dell’ordine, finalizzati ad impedire assembramenti nei luoghi di maggiore aggregazione della città, come da provvedimento del Questore della Provincia di Varese, Dott. Giovanni Pepè, ha portato, nel pomeriggio di Venerdì 15 Maggio, presso Piazza Repubblica, all’individuazione e all’arresto per -evasione- di un cittadino originario della Repubblica Dominicana, di 40 anni, con numerosi precedenti penali e di polizia. Il quarantenne era già stato sorpreso altre due volte, dagli Agenti della Questura, in violazione del provvedimento del Tribunale di Sorveglianza emanato a Marzo di quest’anno, ed era stato ricondotto presso l’abitazione e deferito per evasione. La violazione questa volta ha comportato l’aggravamento della misura detentiva, e per lui si sono aperte le porte della casa circondariale di Varese. Si è trattato dell’ennesimo intervento da parte degli Agenti di Polizia, nella centrale piazza della Repubblica, in questi giorni ripopolatasi di gente visto l’allentamento delle misure anti-Covid.

Durante la settimana appena trascorsa, il rispetto del divieto di assembramento nella medesima piazza era stato più volte violato, e nel corso di un servizio congiunto interforze erano state identificate e sanzionate amministrativamente decine di persone, intente a stazionare sui gradini e muretti della piazza senza un valido motivo e, soprattutto, senza rispettare le dovute misure di distanziamento sociale.